OTTOBRE 2017 | ARCHITETTURA TRA FILM E FOTOGRAFIA

Come la fotografia racconta l’architettura
Park Associati dialoga con Andrea Martiradonna al MAXXI

Mercoledì 18 ottobre, h18.00 
MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma

La rassegna OBIETTIVO ARCHITETTURA indaga il rapporto simbiotico tra un’architettura, il suo progettista e il fotografo che l’ha ritratta, mettendo in conversazione alcuni tra i più interessanti architetti e fotografi italiani contemporanei che sono stati capaci di creare edifici significativi e interpretazioni fotografiche capaci di amplificarne i significati sottesi.
/Modera Silvia Botti.

#ObiettivoArchitettura
www.maxxi.art

Al Milano Design Film Festival raccontiamo il Cantiere

Sabato 21 ottobre, h14.30
Proiezione di “The Light of Construction”, cortometraggio di Mario Frusca sul cantiere di via Chiese a Milano, progetto di Park Associati.
Anteo Palazzo del Cinema, Milano, sala Abadan

Il cantiere è il luogo e il tempo segreto di un progetto. Il film rende fluida la narrazione e ne svela elementi sensibili. I cambiamenti di luce, i suoni peculiari, le voci e i movimenti delle persone rendono così accessibile il processo costruttivo. “The Light of Construction” rivela la trasformazione di un manufatto preesistente, un edificio degli anni ‘80 a Milano, in zona Bicocca. Il racconto in bianco e nero coglie le linee rigorose e senza tempo dei nuovi volumi, in una sintesi dove gli elementi architettonici esaltano il variare incostante della luce nel ritmo temporale.

Venerdì 20 ottobre, h20.45
Filippo Pagliani e Michele Rossi presentano “The Storyteller. After Walter Benjamin”, film documentario di Nathaniel Knop
Anteo Palazzo del Cinema, Milano, sala Abadan

#MDFF
#TheLightofConstruction
www.milanodesignfilmfestival.com

Resilienti

Martedì 24 ottobre, h18.30
Inaugurazione della mostra fotografica di Mario Frusca dal titolo “Resilienti”, a cura di Luciana Rappo
Park Associati, via Garofalo 31, Milano

La mostra prosegue il 25, 26, 27 ottobre, dalle h17 alle h19

Park Associati ospita negli spazi dello studio la mostra fotografica di Mario Frusca. Gli scatti in bianco e nero ritraggono il passaggio del tempo all’interno degli spazi architettonici e la loro capacità di non alienare la propria identità anche quando la dialettica con le attività umane è trascorsa. Architettura e natura si relazionano allora in un rapporto silenzioso, libero dalla presenza umana e diventano segni compositivi protagonisti alla pari di una visione poetica del paesaggio, nella scia dei grandi maestri della fotografia italiana moderna.

#resilienti
Approndisci qui