PARK HUB

Park Hub nasce dal desiderio di allargare gli orizzonti dell’attività di Park Associati, aprendola alla città e contaminandola con le esperienze più innovative che fanno di Milano un luogo in pieno fermento e trasformazione.
Open! Studi Aperti 2019
Insecure - Weixiao Shen & Zan Kobal
Costruito ad arte - Andrea Martiradonna
Disegnare con gli alberi - Marco Bay
Franco e Renata - Thomas Berra
Unità di produzione - From Outer Space
Resilienti - Mario Frusca

L’ampliamento di Park Associati nel 2018 ha favorito la creazione di nuovi spazi in cui riunirsi, esporre i modelli, sperimentare, cucinare e naturalmente progettare. Soprattutto, oggi c’è più spazio per l’accoglienza e la sperimentazione.
C’è un luogo eclettico che ha permesso di immaginare un dialogo più dinamico con l’esterno, in cui ospitare mostre, eventi, incursioni in campi tangenti all’architettura.

Un’occasione di incontro e confronto con arte, letteratura, design, scienza, pensiero e pensieri.

Una porta aperta a tutto quello che succede intorno a noi. Milano è diventata, o è tornata ad essere, una città laboratorio, un luogo in cui convergono spinte ed energie da tutti gli ambiti della società. Negli ultimi anni, l’architettura ne ha cambiato il volto, si sono trasformati i modi di vivere il territorio, sono nati poli tecnologici, scientifici, artistici e universitari che arricchiscono il tessuto sociale cittadino. Il fermento che investe Milano e la fa dialogare con il resto del mondo ci ha ispirati.

In questo primo anno di attività ci siamo legati ai momenti più importanti del calendario culturale milanese proponendo finora le mostre personali del fotografo Mario Frusca, e dell’artista Thomas Berra, ospitando l’installazione di From Outer Space, due giovani designer italiani durante il Salone del Mobile 2018, e presentando il libro “Disegnando con gli alberi” di Marco Bay per Bookcity.
Nel 2019 abbiamo ospitato la mostra personale “Costruito ad Arte” del fotografo Andrea Martiradonna, in occasione della Art Week e l’installazione INSECURE, di Zan Kobal e Weixiao Shen, progetto vincitore della prima edizione della nostra call per designer under 30, che inaugura una scadenza espositiva annuale durante il Salone del Mobile.

L’architettura si nutre della vita di un luogo, la rispecchia, rappresenta nuovi desideri, ne custodisce la storia ma, come l’arte, è sempre spinta a sfidare convenzioni a superare le accademie. Molto altro riserva il futuro di questo nuovo progetto.